Alice o dei genitori separati

“Posso chiederti un consiglio?”

“Dimmi.”

“Mia mamma giovedi va via di casa. Ha incontrato un nuovo uomo con cui esce e vuole andare a vivere con lui. Ha detto così. Solo che mio padre m’ha detto che questo tizio in realtà ha un’altra, e ha detto che la devo avvisare. Ecco il consiglio: come faccio a dire alla mamma che lui la sta prendendo in giro?”

Rimango interdetta per un attimo. Accanto ad Alice la sua amica, si avvicina qualche altra compagna che con uno sguardo viene allontanata. Entrambe mi puntano come se stessi per svelare loro dovi si trovi il Graal.

“Alice, non devi essere tu a dire questa cosa alla mamma, e tuo padre non doveva né parlartene, né chiedertelo.”

“Eh lo so. Ma come faccio? Loro non si parlano.”

Molto più spesso di quanto ci piaccia ammettere, le coppie separate con figli non sono in grado di anteporre il loro essere genitori al loro essere coppia, ed è comprensibile: si è marito e moglie e compagno e compagna prima di essere mamme e papà. L’investimento iniziale si fa in due. Quando la coppia si rompe, quando non ci si vuole più bene, i figli ne risentono sia se cominciamo a farne pedine, sia se riusciamo a tenerli al di fuori delle faccende degli adulti. Se la sintassi non è un’opinione, ne risentono in ogni caso.

Siccome però questo lo sapevamo già e il dato di realtà è che è che ci si separa sempre più spesso (la prima causa stando alle ultime ricerche è la noia), il punto diventa un altro: il castello di carte della retorica. “Si è genitori per sempre”: è vero? Essere genitori non è solo regolato dalla biologia, ma passa attraverso la costruzione del proprio ruolo di madri e padri. Se non ce lo si è arredato dentro e se non si è integrato con le altre parti di sé senza che nessuna mortifichi (troppo) l’altra, si finisce per far fare ai figli il lavoro sporco che spetterebbe a noi: salvaguardare la dignità di una storia finita ma nello stesso tempo mai finita. Perché la verità è che se da una relazione sono nati dei figli, l’amore di un tempo si perpetua in loro, e mancargli di rispetto equivale a mancarne a loro e alla loro vita.

“Cara, facciamo mezzo passo indietro: tu come stai? Oggi è martedi.”

Alice ha degli occhi color giada che si fanno pozzanghere.

“Io non voglio che vada via.”

“Questo è quello che puoi dirle.”

Annunci

2 thoughts on “Alice o dei genitori separati

  1. E se si hanno dei genitori che si comportanto come se fossero separati ma non lo sono?Cioe’, se si parlano “alle spalle” a vicenda?e quella che si becca lo sfogo di entrambi sono io?ad esempio.Io sono la mediatrice di casa (cosi ha detto una volta mio padre, consapevole del fatto che cerco sempre di mantenere gli equilibri), io piu’ che definirmi mediatrice, mi definisco QUELLA CHE SE LE PIGLIA TUTTE IN SACCOCCIA!perche’ cosi e’. Questo non succede solo tra mamma e papa’ ma adesso la news e’ tra papa’ e sorella. Ormai vivo fuori casa da quasi un anno e il mio ruolo non e’ cambiato anche a 3000 km di distanza. Cio’ a casa mia capita un giorno si e l’altro pure.E il piu’ delle volte non si tratta di cose futili o trascurabili. Ma di vere e proprie mazzate tra capo e collo. Di parole di cui un giorno ci si potrebbe pentire di sicuro. Ieri dopo l’ennesima domenica passata a piangere causa litigio tra padre e sorella, ho deciso di dire basta. Spero di non averlo solo detto.
    Un abbraccio dalla Spagna!

    Mi piace

    • “E’ inutile andare lontano, se ci si porta se stessi con sé.” Seneca intendeva dire che spesso la distanza fisica, geografica, è sopravvalutata. Diventare grandi, emanciparsi, non significa mettere una distanza tra noi e gli altri ma rimettere ognuno al loro posto “dentro”: credo allora cara Sara che le parole chiave del tuo messaggio siano “…ho deciso di dire basta. Spero di non averlo solo detto.” Perché è proprio così: dobbiamo cercare di essere, agendolo, ciò che vogliamo per noi. Per uscire da un ruolo scomodo come il tuo, bisogna riuscire a non prestarvisi: immagino che oltretutto si rivelerà utile per l’intera famiglia…dovranno trovare nuove strategie! Con affetto, al prossimo scambio di commenti!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...